Etica e spiritualità della relazione coniugale

Etica e spiritualità della relazione coniugale

Com’è possibile promettere di amarsi e onorarsi tutti i giorni della propria vita? Abbiamo davvero una responsabilità dei nostri sentimenti? Come si può vivere la spiritualità nella coppia?

Maria Cruciani

Primo modulo – Etica della relazione coniugale: attraverso l’analisi del legame di coppia vengono messi a fuoco i criteri morali della relazione sponsale con particolare attenzione alla gestione responsabile della vita emotiva per promuovere lo sviluppo della fedeltà come modalità stabile del sentire, oltre che dell’agire e del pensare.

Secondo modulo – Spiritualità della relazione coniugale: accostando la dinamica evolutiva di una relazione coniugale alla rivelazione cristiana si evidenzia la possibilità di contemplare in Cristo il vertice del dinamismo spirituale di una relazione di coppia.

La famiglia specchio dei tempi: società e cultura, emancipazione femminile e cambiamento nelle relazioni

La famiglia specchio dei tempi: società e cultura, emancipazione femminile e cambiamento nelle relazioni

Docenti: A. Romeo – E. Palladino

Il seminario offre le competenze socio-culturali necessarie alla comprensione dei cambiamenti registrati nella famiglia come istituzione, comunità di affetti, luogo di convivenza e scambio fra le generazioni, che caratterizzano il mondo contemporaneo.

Una prima parte verte sui temi più specificamente sociologici: le definizioni e i contenuti degli autori classici e contemporanei, lo studio nella teoria e nella prassi delle relazioni intra generazionali (la coppia) e di quelle inter-generazionali (il rapporto genitori-figli), la comprensione del rapporto tra media e famiglia.

Una seconda parte del corso analizza la questione dell’emancipazione femminile come propedeutica alla crisi dei ruoli di genere e ad un loro ripensamento costruttivo partendo dall’analisi storico-sociale; inoltre studia la possibilità che il paradigma relazionale dell’alleanza uomo/donna incida sul benessere sociale ed ecclesiale meglio della distribuzione dei ruoli di genere.

Dinamismo sacramentario e psicodinamica dei legami familiari

Dinamismo sacramentario e psicodinamica dei legami familiari

Che senso ha sposarsi in Chiesa oggi? Quale dono e compito si cela nel sacramento del matrimonio?

G. Bartolomei – G. Bonfrate

La proposta scaturisce dalla combinazione di due approcci, teologico e psicologico, mettendo al centro la categoria di relazione, che fonda la dimensione sacramentale ed è al centro dell’osservazione e degli approcci terapeutici della psicologia. Infatti, nella prospettiva sacramentale si celebra l’evento dell’incontro tra Dio e le creature, la disposizione del dono di grazia che attiva un dinamismo che accompagna e sostiene la promessa che la grazia sacramentale rivela. Dal punto di vista psicologico, la realtà a cui si rivolge il dono sacramentale, cioè il vissuto di fede e di affetti, la costruzione dei legami, la trasmissione dei contenuti culturali e psichici, si osserva e si affronta secondo una prospettiva psicodinamica.

Moralità personale, discernimento e accompagnamento pastorale

Moralità personale, discernimento e accompagnamento pastorale

G. Parnofiello – H. M. Yáñez

Il primo modulo prende in considerazione che cosa sia la moralità personale di cui la famiglia è il luogo originario, dove le persone imparano a rapportarsi agli altri in un modo sensato e responsabile in una cultura contrassegnata dal relativismo morale. Si pone il problema dell’educazione morale nella famiglia nel suo rapporto con la comunità parrocchiale e con la scuola, infine con la società e le sue mediazioni istituzionali.

Il secondo modulo affronta il discernimento della volontà di Dio integrando la dimensione morale nella prospettiva spirituale del vissuto del credente, secondo le indicazioni del magistero di papa Francesco che sfida la comunità cristiana ad accompagnare e integrare tutti, in modo particolare la fragilità.

La famiglia tra corpi e parole: l’ordo amoris che genera vita

La famiglia tra corpi e parole: l’ordo amoris che genera vita

P. Benanti – G. Salonia

Il primo modulo presenta alcune categorie fondamentali della bioetica e quale il suo impatto e coinvolgimento con la realtà della famiglia. In particolare si cercherà di far emergere come fondare un’etica della vita e cosa significhi per la famiglia la dignità della persona umana. I partecipanti verranno guidati a confrontarsi con la cultura e con la riflessione antropologica, filosofica ed etica in alcuni ambiti particolarmente significativi.

Il secondo modulo è centrato sul dialogo, elemento decisivo nella vita familiare. Vengono presentate gli stili relazionali e i modelli comunicativi che permettono alla famiglia di crescere a livello individuale e familiare. In un secondo momento le competenze comunicative vengono declinate nelle due dimensioni costitutive della famiglia: quella paritaria (la coppia, i fratelli) e quella educativa.

 

Il corpo come identità sessuale e relazionale: antropologia, etica e terapia

Il corpo come identità sessuale e relazionale: antropologia, etica e terapia

P. Benanti – G. Salonia

In un primo modulo si cercherà di far emergere alcune categorie fondamentali per l’etica della sessualità in quattro nuclei tematici i luoghi teoretici ove oggi sembra più difficile poter definire un’etica della sessualità. I partecipanti verranno guidati a confrontarsi con la cultura e con la riflessione antropologica, filosofica ed etica in alcuni ambiti particolarmente significativi.

Il secondo modulo, partendo da una matrice biblica, presenterà gli elementi costitutivi la realtà complessa e dinamica della famiglia. La famiglia nel contesto storico, nel modello relazionale di base per evidenziare gli elementi istituzionali e quelli relazionali. Entrando nella realtà familiare si inizia dalla corporeità: il corpo vissuto di ogni soggetto della famiglia come luogo si incarna il ben-essere familiare. L’intercorporeità permette di cogliere in che modo ogni corpo si colloca e si relaziona con gli altri corpi. La crescita della famiglia costituisce il ciclo vitale personale e familiare e fa riferimento ai cambiamenti nel corpo, nel legame (fedeltà, delusioni, eventuali tradimenti), e quelli provocati da eventi traumatici. L’ ‘ordo amoris’ nella famiglia riguarda la struttura familiare e la funzionalità corporea della linea generazionale. Infine la qualità del dialogo tra i membri della famiglia come luogo in cui apprendere l’appartenenza e l’individualità, le diversità e il loro riconoscimento.

Emilia Palladino

Emilia Palladino

Emilia Palladino, laureata in fisica, licenziata e con dottorato in dottrina sociale della Chiesa. Moglie e mamma di una bambina. È docente incaricato associato presso la Facoltà di Scienze Sociali. Insegna etica della condizione femminile e della famiglia e pastorale alla luce del metodo della dottrina sociale della Chiesa. Inoltre, insegna temi legati alla famiglia con particolare attenzione alla condizione femminile nel Diploma in teologia pratica con specializzazione in pastorale familiare.

Ha pubblicato diverse opere tra cui alcuni libri tra cui “Laici e società contemporanea. Metodo e bilancio a cinquant’anni dal Concilio” (2013), diversi saggi e numerosi articoli sia divulgativi, sia scientifici.